7 oggetti di cui non potrete più fare a meno

In questo articolo ho voluto esaminare 7 oggetti che magari non avete mai pensato di dovere acquistare, ma che vi potranno risultare davvero utili.

Naturalmente non dovete per forza possederli tutti, ma sono sicuro che almeno uno di quelli che propongo farà al caso vostro e sono ancora più certo che almeno uno potrebbe essere un regalo molto gradito.


7 oggetti di cui non potrete più fare a meno
7 oggetti di cui non potrete più fare a meno


Ecco l'elenco completo:

  1. Batteria d'Emergenza per Auto + Torcia + Martello di sicurezza + porta USB
  2. Pinza Multiuso 24 in 1
  3. Stazione di Ricarica USB (8 porte usb)
  4. Adattatore Universale da Viaggio (US / EU / UK / AUS) + 4 porte USB
  5. Custodia da Viaggio Universale per dispositivi elettronici e accessori
  6. Cavo USB di ricarica Universale (per iPad, iPhone e Android)
  7. Powerbank da 20000mah 

Qui di seguito tutti gli oggetti con la descrizione e il link amazon dove poterli acquistare.

1. Batteria d'Emergenza per Auto + Torcia + Martello di sicurezza + porta USB (tutto in un oggetto)

Questo attrezzo è perfetto da tenere in auto perché ha tutto quello che può servirvi in caso di emergenza:

  • Starter per la batteria dell'auto scarica (sono compresi i cavi da attaccare alla batteria)
  • Porta USB per caricare cellulari, tablet e quant'altro
  • Led Luminoso con 3 modalità di utilizzo:
    • Torcia (se dovete trafficare con la batteria di notte)
    • Luce stroboscobica
    • Luce a Intermittenza con segnale SOS
  • Martello rompivetro (nel caso doveste rompere il vetro dell'auto in un'emergenza)
E' un oggetto davvero utilissimo e poi è da considerare che è un Powerbank formidabile con 12000mah di potenza.

2. Pinza Multiuso 24 in 1


Questa pinza ha ben 24 funzioni a differenza delle "normali" pinze multiuso che solitamente ne hanno 12, con questa potrete anche avvitare (con 12 differenti bit installabili)

3. Stazione di Ricarica USB (8 porte usb)

Molto più di una semplice presa multipla USB, questo oggetto può essere utile sia a casa che in viaggio perché dovrete collegare alla presa di corrente solo una spina, sarà la stazione di ricarica stessa a fornire energia (e una comoda postazione) fino a 8 periferiche (smartphone, tablet, ecc.)

4. Adattatore Universale da Viaggio (US / EU / UK / AUS) + 4 prese USB

Oggetto indispensabile per chi viaggia perché vi dà la possibilità di avere una presa davvero universale tutto in uno, infatti oltre alla spina Europea (EU), avete a disposizione anche la spina Americana (US), quella del Regno Unito (UK) e quella Australiana (AUS) e in più ben 4 prese USB con le quali alimentari smartphone, tablet e quant'altro vi possa servire in vacanza.

5. Custodia da Viaggio Universale per dispositivi elettronici e accessori

E' il contenitore perfetto per cavi, cavetti, fascette, alimentatori e altro da portare in viaggio con voi. Soluzione indispensabile per avere tutto perfettamente organizzato. Questo modello ha una tasca in più rispetto agli altri che vi permetterà di portare veramente tutto quanto con voi.

6. Cavo USB di ricarica Universale (per iPad, iPhone e Android)

Questo cavo vi permette di collegare ad una presa USB classica fino a 5 diverse periferiche:
  • 2 connettori "apple" 8-pin lightning
  • 1 connettore Mini USB
  • 1 connettore Micro USB
  • 1 connettore Type-C (quello più usato negli ultimi Smartphone android)
Io lo considero un cavo di emergenza da lasciare sempre in valigia perché potrebbe sempre accadere che il cavo originale si guasti o perché no, di dimenticarsi addirittura di portarlo.

C'è anche la versione più specificamente "android" che anziché avere 2 connettori "apple" ha 2 connettori Type-C, e il modello è questo:

7. Powerbank da 20000mah con 2 ingressi per la ricarica (1 micro USB e uno 8-pin Lightning) e 2 uscite a 5V e 2,4A max

Questo Powerbank o Batteria Portatile di emergenza ha una potenza davvero notevole, perché può caricare completamente un iPad Pro da 9,7" fino a 1 volta e mezzo o un iPhone 7 Plus fino a 4 volte e mezzo. Inoltre ha la peculiarità che può essere ricaricato sia con un cavo per iPhone / iPad, a 8-pin Lightning, siacon un cavo micro USB.

E' tutto! Non mi resta che augurarvi: "Buon Risparmio!".

Poste Mobile: Tariffa "Creami WOW" da 3, 5 o 7 GB

Poste Mobile è l'operatore virtuale di telefonia mobile (utilizza rete Wind) con il più alto numero di abbonati in Italia ed è il primo a proporre una tariffa ricaricabile per privati "all in one" con 7GB di traffico dati.

Poste Mobile: Tariffa "Creami WOW" da 3, 5 o 7 GB

Poste Mobile: Tariffa "Creami WOW" da 3, 5 o 7 GB


La tariffa "Creami WOW" è proposta in 3 versioni così composte:
  • 500 crediti + 3GB per Internet a 10€/(4 settimane)
  • 500 crediti + 5GB per Internet a 12€/(4 settimane)
  • 500 crediti + 7GB per Internet a 16€/(4 settimane)
I 500 crediti possono essere utilizzati per:
  • SMS: 1 SMS = 1 credito
  • Voce: 1 minuto di chiamata = 1 credito
  • Internet: 1MB dati = 1 credito
La proposta risulta particolarmente appetibile per chi non utilizza più gli SMS, infatti la tariffa "Creami WOW 3GB" diventerebbe: 500' di chiamata + 3GB di traffico internet a solo 10€/(4 settimane).


La procedura per l'acquisto è semplice:

  1. clicca su Acquista Creami WOW 
  2. clicca su "Attiva Ora"
  3. compila il form con le seguenti sezioni
    • scegli l'offerta da 3, 5 o 7GB
    • inserisci i tuoi dati anagrafici
    • scegli se mantenere il tuo numero o averne uno nuovo
    • inserisci l'indirizzo di residenza e spedizione
    • spunta la presa visione del contratto
  4. premi "Invia"
Entro 5 giorni riceverai la SIM e pagherai 15€ in contanti alla consegna.


L'offerta è attivabile solo online fino al 12/03/2017, la SIM ha un costo di 15€ con 15€ di traffico telefonico incluso.
La spedizione della SIM è gratuita ed il pagamento avviene in contanti alla consegna.

Non mi resta che augurarvi: "Buon Risparmio!".

Risparmiare Energia Cucinando Cereali e Legumi

Qualche tempo fa ho pubblicato l'articolo Risparmiare Energia Cucinando Riso e Pasta e ho pensato di poter estendere quelle tecniche anche per altri cereali e legumi secchi, ed ecco qui il post!

Prima di parlare di tempi di cottura, è meglio comprendere il significato dell'ammollo e del risciacquo che svolgono una parte fondamentale sulla digeribilità e sicurezza alimentare del prodotto da consumare.

Quello che propongo in questo articolo è un mix tra cottura in pentola e riposo, sfruttando l'energia residua dell'acqua calda per risparmiare sul gas (o l'elettricità se il fornello è in vetro-ceramica o a induzione) che continuerà a cucinare il cibo.

E' possibile ottimizzare il riposo e di conseguenza diminuire ulteriormente la cottura utilizzando una borsa termica isolante creata apposta per questo scopo, si chiama WonderBag, ma purtroppo dal sito ufficiale: www.wonderbagworld.com non è possibile acquistarla in Italia e su amazon.it non è mai disponibile. Se siete a conoscenza di altri canali per acquistare questa "Borsa Meravigliosa" fatemelo sapere che lo aggiungerò al post.

E' anche possibile crearsela da soli (per chi ne ha le capacità). A questo indirizzo trovate il tutorial in italiano: http://www.naturalmentestefy.it/2014/01/16/tutorial-wonderbag-ovvero-cucinare-senza-fuoco/ e qui un tutorial in inglese: http://www.underthechokotree.com/index.php?option=com_content&view=article&id=383:making-a-fabric-stored-heat-cooker-wonderbag&catid=36:cooking&Itemid=54
Qui invece potete vedere un video (in inglese) su come farsela: https://youtu.be/ebOnFRjzVdw
Se qualcuno di voi vuole crearsene due e regalarmene una è ben accetta!



Risparmiare Energia Cucinando Cereali e Legumi
Risparmiare Energia Cucinando Cereali e Legumi

Risciacquo (o Lavaggio)

E' una tecnica necessaria per eliminare impurità da legumi e cereali e facilitarne il successivo ammollo.

Procedimento

Il lavaggio va fatto con acqua calda e può essere eseguito in due modi:

1° Metodo di Risciacquo

  1. Mettere cereali e/o legumi all'interno di una bacinella capiente. Più è capiente la bacinella, meno passaggi dovrete fare perché la diluizione delle impurità sarà maggiore.
  2. Riempire la bacinella di acqua calda
  3. Con le mani agitare e smuovere cereali e/o legumi. In questo modo l'acqua prima cristallina diverrà torbida
  4. Eliminare l'acqua sporca tramite un colino o uno scolapasta (a maglie non troppo larghe)
  5. Ripetere la procedura dal punto 2 al punto 4 fino a che l'acqua non ritorni ad essere cristallina. 

2° Metodo di Risciacquo

  1. Mettere cereali e/o legumi in un colino o scolapasta (a maglie non troppo larghe)
  2. Fate scorrere per qualche minuto l'acqua calda
  3. Con le mani agitare e smuovere cereali e/o legumi
Io preferisco il primo metodo perché in questo modo posso controllare il grado di pulizia dei cereali e/o legumi, ma voi potete scegliere quello che preferite.

Ammollo

E' una tecnica necessaria per quasi tutti i legumi, solo alcuni non ne necessitano, ma questo non significa che non possa essere eseguita comunque per velocizzarne la cottura successiva.

I legumi secchi per poter essere reidratati hanno bisogno dell'ammollo, ma non solo per diminuire i tempi successivi di cottura, ma anche per aumentarne la digeribilità, infatti, l'ammollo diminuisce l'acido fitico che risulta indigeribile all'organismo umano e che ne riduce anche l'assorbimento dei minerali.

L'ammollo risulta quindi indispensabile per:

  • diminuire i tempi di cottura
  • diminuire l'acido fitico
  • diminuire la presenza di antinutrienti

Procedimento

L'ammollo va fatto con acqua tiepida (45-50°C) leggermente acidulata e il rapporto acqua / legume o cereale deve essere di 7-8, per cui ogni 100 gr di legumi o cerali, 7-800 gr di acqua, con un cucchiaio di succo di limone o aceto di mete ogni 100 gr di legumi o cereali ammollati. Se l'ammollo è prolungato è consigliabile sostituire l'acqua ogni 8h.
Ricordatevi di eliminare tutti i legumi che nell'ammollo galleggiano, significa che hanno perso tutte le qualità nutrizionali.

Consigli

Nell'ammollo non aggiungere mai:
  • il sale perché indurirebbe i legumi
  • il bicarbonato di sodio perché diminuirebbe i principi nutriti di legumi e cereali

Differenze tra Cereali Integrali, Decorticati e Perlati

Cereali Integrali

Tutti i cereali nella forma integrale sono composti da:
  • crusca esterna, ricca di fibre
  • germe interno, ricco di micronutrienti
  • endosperma, ricco di amidi
Richiedono maggior tempo di ammollo (anche 24h) e di cottura perché la crusca necessita di più tempo per assorbire acqua.

Cereali Decorticati

I cereali integrali che subiscono un primo trattamento diventano decorticati e sono composti da:
  • germe interno, ricco di micronutrienti
  • endosperma, ricco di amidi
In parte, seppur minima è ancora presente un po' di crusca, ma è da considerarsi quasi nulla. Richiedono tempi di ammollo inferiori ai cereali integrali, ma si parla sempre di almeno una notte (12h), anche la cottura sarà più veloce rispetto ai cereali integrali.

Cereali Perlati

Un'ulteriore lavorazione dei cereali decorticati li porta a privarsi anche del germe interno, quindi i cereali perlati sono composti solo da:
  • endosperma, ricco di amidi

Digeribilità dei Legumi

I legumi hanno la fama di essere poco digeribili e di causare meteorismo, per ovviare o almeno limitare questi fastidi ecco alcuni consigli:
  • Aggiungere all'acqua di cottura uno o più di questi ingredienti: Alloro, Zenzero fresco, Alga Kombu, Origano, Rosmarino
  • Utilizzare come condimento dei legumi uno o più di questi ingredienti: Origano, Rosmarino, Zenzero in polvere, Cumino, Coriandolo, Menta
  • Frullare (sminuzzare la buccia favorisce la digeribilità)
  • Mischiare ai Legumi anche i Cereali ne aumenta la digeribilità
  • Abituare l'organismo agli zuccheri dei legumi mangiandoli 4 o 5 volte a settimana
  • Dopo il pasto bevete una tisana, sono ottime con: Zenzero, Finocchio, Anice e Menta

Cottura

Questo paragrafo è il cuore di tutto l'articolo, dove finalmente verranno "svelati" tempi di ammollo e di cottura per i vari cereali e legumi con le diverse tecniche.

La cottura è sempre con partenza a freddo (a parte il cous cous precotto), quindi nella pentola va messo il cereale o il legume senza l'acqua di ammollo e il quantitativo esatto di acqua fresca che assorbirà a fine cottura (il valore si trova nell'ultima colonna della tabella), e poi si accende il fuoco al massimo con il coperchio sulla pentola. Arrivati a bollore si mantiene un fuoco basso necessario solo a mantenere un leggero bollore. I minuti di cottura si contano da quando l'acqua inizia a bollire.
Il sale va aggiunto quasi a fine cottura, mai prima.
Questa modalità di cottura si chiama "ad assorbimento" e fa sì che i principi nutritivi non si disperdano nell'acqua di cottura, ma che rimangano all'interno del cereale o del legume.

Ho aggiunto ai normali cereali e legumi anche pseudo-cereali come Amaranto e Quinoa per avere un quadro più completo.

Qui di seguito la legenda per capire alcune voci:

TdC = Tempo di Cottura, sempre espresso in minuti
TdC Pentola Normale (Veloce) = Tempo di Cottura con Pentola Classica con il fuoco sempre acceso per i minuti presenti in tabella
TdC Pentola a Pressione (Veloce) = Tempo di Cottura con Pentola a Pressione con il fuoco sempre acceso per i minuti presenti in tabella
TdC Pentola Normale (Lenta) + Riposo 8h = Tempo di Cottura con Pentola Classica con il fuoco  acceso per i minuti presenti in tabella e poi lasciata riposare per 8h
Rapporto Legume o Cereale : Acqua = Quantità di legume o cereale rispetto all'acqua (da mettere sempre a freddo), ad es. per l'Avena Integrale ogni 100 gr di cereale servono 300 gr di acqua (1 : 3).
* Il cous cous precotto ha la cottura a caldo


TipoNomeRi-
sci-
ac-
quo
Tempo
di
Ammol-
lo
in ore
TdC
(minuti)
Pentola
Normale
(Veloce)
TdC
(minuti)
Pentola a
Pressione
(Veloce)
TdC
(minuti)
Pentola
Normale
(Lenta) +
Riposo 8h
Rappor-to
Legume
o Cerale
: Acqua
CerealeAvena Integrale12-24h6020151 : 3
CerealeAvena Decorticata9h-12h4515101 : 3
CerealeAvena Perlatanessuno301051 : 2
CerealeBulgurnonessuno20751 : 2
CerealeCous Cous
(precotto) *
nonessuno52-1 : 2
CerealeFarro Integrale12-24h6020151 : 3
CerealeFarro Decorticato9h-12h301051 : 3
CerealeFarro Perlatonessuno251051 : 2
CerealeGrano Duro9h5015101 : 3
CerealeGrano Integrale12-24h6020151 : 3
CerealeGrano Kamut12h4015101 : 3
CerealeGrano Saraceno
Decorticato
nessuno20751 : 2
CerealeGrano Tenero9h4515101 : 2
CerealeMais48h12040301 : 4
CerealeMiglio Integrale12-24h4015101 : 3
CerealeMiglio Decorticato9h-12h20751 : 3
CerealeMiglio Perlatonessuno15551 : 2
CerealeOrzo Integrale12-24h6020151 : 3
CerealeOrzo Decorticato9h301051 : 3
CerealeOrzo Perlatonessuno251051 : 2
CerealeRiso Integrale12-24h301051 : 2,5
CerealeSegale Integrale12-24h6020151 : 3
CerealeSorgonessuno20751 : 2
Falso CerealeAmarantonessuno20751 : 2
Falso CerealeQuinoa Biancanessuno15551 : 2
Falso CerealeQuinoa Neranessuno15551 : 2
Falso CerealeQuinoa Rossanessuno301051 : 2
LegumeCeci12-24-48h12040301 : 3
LegumeCicerchie24h12040301 : 3
LegumeFagioli Azuki12h6020151 : 3
LegumeFagioli Borlotti12-24h9030201 : 3
LegumeFagioli Cannellini12-24h9030201 : 3
LegumeFagioli con l'Occhio12-24h9030201 : 3
LegumeFagioli Mung4h6020151 : 3
LegumeFagioli Neri12-24h9030201 : 3
LegumeFagioli Rossi12-24h9030201 : 3
LegumeFave12-24h9030201 : 3
LegumeFave Decorticate6h4015101 : 3
LegumeFave Spezzate12h5015101 : 2,5
LegumeLenticchie Verdi
(grandi)
6h6020151 : 2,5
LegumeLenticchie Marroni
(piccole)
3h4515101 : 2,5
LegumeLenticchie Rosse
Decorticate
nessuno20751 : 2,5
LegumePiselli12h6020151 : 3
LegumePiselli Spezzatinessuno4015101 : 2,5
LegumeSoia Gialla24h in
frigorifero
12040301 : 3
LegumeSoia Nera24h in
frigorifero
12040301 : 3
LegumeSoia Verde12h in
frigorifero
9030201 : 2

Consigli Strumenti di Cottura

Per la cereali e legumi utilizzate pentole con doppio fondo perché l'acqua si mantiene calda per lungo tempo senza dover ricorrere all'utilizzo di energia esterna (gas, elettricità) per mantenere il calore. Se ne avete la possibilità, munitevi anche di pentole di diverse dimensioni, perché è inutile scaldare una pentola con capienza 5 litri per un 200 grammi di cereali o legumi, minore è la capienza, minore sarà la quantità di acciaio da riscaldare, e di conseguenza sarà anche minore l'energia utilizzata per farlo.

Stampante Led, Laser o InkJet?

L'annosa questione Laser contro Inkjet (getto d'inchiostro) in questo post non verrà trattata, perché ci sono già tanti altri siti che vi potranno confondere meglio di me le idee. Qui discuteremo su quali siano i metodi per risparmiare sul costo della stampa.

Per arrivare a stabilire il costo per pagina non considereremo la spesa iniziale della stampante, perché ad oggi è un costo irrisorio rispetto a quello delle cartucce (per le stampanti inkjet) e dei toner (per le stampanti laser), ma ci baseremo solo sul numero di pagine stampabili divise per il prezzo dell'inchiostro.

Stampante Led, Laser o InkJet?
Stampante Led, Laser o InkJet?


Tipologie di Stampanti

In commercio esistono svariate categorie di stampanti che potrete scegliere, eccole:

  • Getto d'inchiostro
    • A colori
      • con solo la funzione stampa
      • all in one: funzione stampa + funzione scan (+ funzione fax)
  • Laser
    • In Bianco e Nero
      • con solo la funzione stampa
      • all in one: funzione stampa + funzione scan (+ funzione fax)
    • A Colori
      • con solo la funzione stampa
      • all in one: funzione stampa + funzione scan (+ funzione fax)
  • Led
    • A Colori
      • con solo la funzione stampa
      • all in one: funzione stampa + funzione scan (+ funzione fax)
E' vero che esistono altri tipi di stampante (termica, a sublimazione, ecc.) ma queste tipologie che ho elencato sono le più vendute e quindi le più diffuse.

Precisazioni

Dopo questo elenco vanno fatte alcune precisazioni, 

1° Precisazione

Per chi non conosce le stampanti a Led.
Non sono altro che l'evoluzione delle stampanti a Laser. La differenza fondamentale tra quelle a Laser e quelle a Led è che le stampanti a Led inviano l'immagine direttamente al tamburo rotante, mentre quelle a laser la inviano ad uno specchio in movimento che riflette a sua volta l'immagine sul tamburo rotante. Questo vi fa capire che la tecnologia a Led ha meno parti in movimento e quindi la stampante dovrebbe essere meno soggetta a rotture.

2° Precisazione

Il prezzo differisce tra una tecnologia di stampa e l'altra.
All'inizio di questo post ho specificato che avrei trattato soltanto il costo della stampa per pagina, senza contare la spesa iniziale della stampante, (un approccio differente rispetto a quello scelto nell'articolo Caffè in Capsule, Cialde o Polvere. Qual 'è il più conveniente? dove invece il costo della macchina era un dato fondamentale per valutarne l'acquisto), questo perché una maggiore spesa iniziale in questo caso non giustificherà mai un minor costo della stampa per pagine nel tempo, se compro una stampante da 1000€, non significa che riuscirò ad ammortizzarla se farò più stampe (come lo era per le macchine del caffè superautomatiche), significa solo che molto probabilmente riuscirò a stampare più pagine al minuto, che il volume di stampe mensili potrà essere molto elevato e a avrò un cassetto per la carta molto più capiente, tutto qui, insomma, una maggiore spesa è giustificata solo se ne avete effettivamente bisogno, ma non incide sul costo della stampa per pagina.

3° Precisazione

Starter Kit Iniziali.
Forse non tutti sanno che quando si acquista una stampante, le cartucce già presenti nella confezione hanno un contenuto di inchiostro ridotto rispetto a quelle che si acquisteranno successivamente, la quantità varia da marca a marca, ma generalmente si tratta del 25% di inchiostro contenuto rispetto a una cartuccia standard. Questo è giusto precisarlo perché molti di voi potrebbero fare calcoli errati sulla convenienza o meno di una stampante basandosi solo sull'acquisto iniziale. Vi faccio un esempio pratico così da capire meglio.

Esempio:
Ho la possibilità di scegliere solo tra due stampanti, entrambe a laser e in bianco e nero.
1) La prima ha un costo iniziale di 50€ e le successive cartucce (toner) costeranno 30€ l'una e potranno stampare fino a 1000 pagine.
2) La seconda ha un costo iniziale di 70€ e le successive cartucce (toner) costeranno 20€ l'una e potranno anch'esse stampare fino a 1000 pagine.
Non conoscendo il fatto che lo starter kit iniziale vi permetterebbe di stampare solo 250 pagine, potreste erroneamente optare per la prima scelta, ma facendo i dovuti calcoli, sarebbe meglio optare per la seconda. 

Ecco perché:
1) n. stampe: 250, costo per stampa "iniziale": 50€/250 = 20 cent, costi per stampa successivi: 30 cent
2) n. stampe: 250, costo per stampa "iniziale": 70€/250 = 28 cent, costi per stampa successivi: 20 cent
Capite bene che: 
1) nel primo caso alla 3.250° stampa avrete speso in totale: 50€ + 3*30€ = 140€
2) nel secondo caso alla 3.250° stampa avrete speso in totale: 70 + 3*20€ = 130€

Basandosi sull'erronea convinzione che le cartucce iniziali siano equiparabili a quelle che acquisterete successivamente, alcuni optano addirittura per l'acquisto di una nuova stampante, anziché l'acquisto del nuovo toner. La conclusione non è del tutto errata, ma ricordate che le stampe che potete fare con lo starter kit iniziale è 1/4 rispetto a quelle che farete con le cartucce standard senza poi considerare che potrete acquistare kit con più cartucce, cartucce XL, cartucce rigenerate e cartucce compatibili, ma di questo parleremo dopo.

Cartucce e confezioni presenti sul mercato

Esistono 3 tipi di cartucce con qualità e caratteristiche differenti.
  • Cartucce originali
  • Cartucce rigenerate
  • Cartucce compatibili
Sulle cartucce originali non credo vi siano dubbi, sono quelle consigliate (e solitamente prodotte) dal produttore della stampante e hanno qualità massima, ma prezzo più elevato.
Le cartucce rigenerate sono cartucce che hanno (perdonatemi il termine) la scocca di una cartuccia originale, ma l'inchiostro è compatibile e sono una via di mezzo tra le originali e le compatibili.
Le cartucce compatibili invece hanno sia la scocca che l'inchiostro compatibili e sono quelle che sulla carta hanno qualità minore tra le tre.

Oltre a queste tipologie ci sono anche differenze in base alla quantità di inchiostro contenuto e al numero di cartucce presenti nella confezione, qui di seguito alcuni esempi possibili:

  • Cartucce originali
    • Cartucce a capacità standard
    • Cartucce XL (con capacità doppia o maggiore)
    • Confezioni Bipack (con 2 cartucce solitamente di inchiostro nero)
    • Confezioni Value Pack (con tutte le cartucce colori + la cartuccia nero)
  • Cartucce rigenerate e compatibili
    • Cartucce a capacità standard
    • Cartucce XL (con capacità doppia o maggiore)
    • Confezioni Bipack (con 2 cartucce solitamente di inchiostro nero)
    • Confezioni Multipack (con 3 o  più cartucce solitamente di inchiostro nero)
    • Confezioni Value Pack (con tutte le cartucce colori + la cartuccia nero)
    • Confezioni Multi Color Pack (con più di una cartuccia per colore)
    • Confezioni Multi Value Pack (con più cartucce colore e più cartucce nero
Non tutte le marche di stampanti propongono confezioni bipack e value pack, ma tutte hanno in produzione la cartucce XL, e sono sicuramente queste che dovreste tenere d'occhio per gli acquisti futuri, perché molto più convenienti a livello di costo per stampa rispetto alle cartucce Standard.

Ecofont per risparmiare inchiostro

Pochi sono a conoscenza di font che permettono di risparmiare inchiostro, ma anche questo fa la differenza. Vi basti pensare che il numero di copie per cartuccia è calcolata in base ad un parametro chiamato: "copertura di stampa", ma cosa significa? 

Se vi siete già imbattuti nell'acquisto di una cartuccia, avrete sicuramente notato questa dicitura: "al 5% di copertura della pagina" o qualcosa di simile, ma che richiamasse sempre quella fatidica "copertura al 5%", quindi potreste trovare cartucce che stampano 1000 pagine con copertura di stampa al 5%, o altre che stampano 200 pagine con copertura di stampa al 5%, ecc., ma tutte le marche si rifanno a questa normativa (in realtà sono 3) che stabilisce inequivocabilmente la % di un foglio A4 tra la parte inchiostrata (5%) e quella no (il restante 95%). Ognuna di queste normative è stata creata ad hoc per le varie tecnologie:

  • Normativa ISO/IEC 19752:2017 per le cartucce toner di stampanti monocromatiche (laser e led)
  • Normativa ISO/IEC 19798:2017 per le cartucce toner di stampanti a colori (laser e led)
  • Normativa ISO/IEC 24711:2015 per le cartucce inkjet di stampanti a colori (a getto d'inchiostro)
  • Normativa ISO/IEC 29102:2015 per le cartucce inkjet di stampanti per foto a colori (a getto d'inchiostro)
Per ognuna di queste normative ci sono delle pagine di test ben specifiche che utilizzano gli inchiostri nella misura del 5%, quindi per una pagina in bianco e nero, sarà utilizzato solo l'inchiostro nero (che sia toner o cartuccia inkjet), mentre per una pagina a colori saranno utilizzati i 3 colori primari (ciano, magenta e giallo)  e il nero, quindi si avrà un utilizzo del 20% dell'inchiostro totale.

Ecofont 

Detto questo, possiamo finalmente parlare di ecofont perché abbiamo compreso che meno inchiostro si utilizza, più pagine si riuscirà a stampare con una cartuccia. 
Un esempio di questi font che potete scaricare gratuitamente è lo Spranq Eco Font, noterete che ogni carattere è bucherellato, e questa "mancanza" vi permetterà di risparmiare fino al 15% di inchiostro. 
Naturalmente il risparmio si ha soltanto sul testo, non sulle immagini, purtroppo per quelle c'è poco da fare, ma se stampate molti testi, questo font sicuramente vi servirà.
Nel mercato degli eco font ne esistono anche a pagamento e il più famoso è proprio Ecofont, che vi dà la possibilità di utilizzare il loro font economico anche in modalità True Type Font, che permetterà l'utilizzo di tutti i font in modalità eco, cioè in pratica "bucherellerà" tutti i font che vorrete utilizzare in modalità eco.

Stampate solo quello che veramente serve

Non sempre tutto quello che troviamo in una pagina sul web ci serve veramente, tante volte sarebbe preferibile eliminare alcune immagini, o porzioni di testo che nemmeno interessano, e per far tutto ciò ci possono venire in aiuto diversi siti che permettono di cliccare su quello che non c'interessa ed eliminarlo, come se stessimo agendo direttamente sul codice Html, ecco alcuni esempi:

  1. Print What You Like (sito web)
  2. Print Friendly (sito web)
  3. Aardvark (bookmarklet)
  4. PrintLiminator (bookmarklet)
Esistono anche estensioni per browser, ma credo che già questi 4 saranno più che sufficienti per farvi risparmiare inchiostro e carta.

Carta 

La carta non influisce molto sul costo per copia, tuttavia è bene capire quale sia la qualità/prezzo da ricercare. Per una buona qualità di stampa è consigliabile una carta con grammatura tra 70 e 90 per mq, in commercio troverete quasi sicuramente carta per fotocopie o stampanti a 80gr/mq. Su Amazon troverete un'ampia scelta di Carta per Fotocopiatrici e Stampanti a circa 5€ a risma (500 fogli).
Per non sprecare carta, cercate sempre di utilizzarla fronte e retro, ma nel caso non fosse possibile, quando quel documento non vi serve più, tagliate il foglio A4 in 4 parti e riciclatelo come carta per note.

Elenco di Stampanti e Cartucce

In questo paragrafo ho voluto elencare le stampanti più vendute per ogni categoria e le relative cartucce, così da poter avere un quadro più completo sui prezzi.


Elenco Stampanti e Cartucce (versione tabellare)

Ho voluto aggiungere anche questa tabella (un po' più scarna nei contenuti) per venire incontro a chi ha difficoltà di visualizzazione con il pdf.

MarcaModello StampanteModello
Cartuccia
N.Pag.
Stam-
pabili
Prezzo
Amazon
Costo/
pagina
(€)
Stampanti / Multifunzione a Getto d'inchiostro
HPDeskJet 1110302 Nero190€ 13,520,071
Envy 4520 All in one302 XL Nero480€ 27,990,058
302 Tricromia165€ 15,990,097
302 XL Tricromia330€ 26,790,081
EpsonWorkforce WF 2510 WFC13T16214010 (Nero)175€ 10,190,058
C13T16224010 (Ciano)165€ 7,990,048
C13T16234010 (Magenta)165€ 8,390,051
C13T16244010 (Giallo)165€ 8,390,051
C13T16314010 (Nero XL)500€ 17,980,036
C13T16324010 (Ciano XL)450€ 14,940,033
C13T16334010 (Magenta XL)450€ 15,190,034
C13T16344010 (Giallo XL)450€ 15,190,034
C13T16344012 (Giallo XL)450€ 15,190,034
CanonPixma iP7250PGI-550PGBK (Nero Doc)300€ 14,990,050
CLI-551BK (Nero Foto) *376€ 11,890,032
CLI-551C (Ciano Doc e Foto)332€ 11,890,036
CLI-551M (Magenta Doc e Foto)319€ 11,890,037
CLI-551Y (Giallo Doc e Foto)344€ 11,890,035
PGI-550PGBK XL (Nero Doc)500€ 15,990,032
CLI-551BK XL (Nero Foto) *590€ 15,990,027
CLI-551C XL (Ciano Doc e Foto)521€ 15,990,031
CLI-551M XL (Magenta Doc e Foto)501€ 15,990,032
CLI-551Y XL (Giallo Doc e Foto)540€ 15,990,030
Stampanti Monocromatiche Laser
SamsungXpress M 2026 WMLT-D111S Black Toner1000€ 48,060,048
Richo SP 211Ricoh 9486211000€ 52,990,053
Ricoh 9486202600€ 77,770,030
BrotherHL-1110TN-10501000€ 38,490,038
HPLaserJet Pro P1102WHP 85A1600€ 63,060,039
Stampanti a Colori Laser
Brother
LED
HL-3140CWTN-241BK (Nero)2500€ 63,990,026
TN-241C (Ciano)1400€ 62,990,045
TN-241M (Magenta)1400€ 63,770,046
TN-241Y (Giallo)1400€ 63,770,046
TN-245C (Ciano XL)2200€ 81,600,037
TN-245M (Magenta)2200€ 89,980,041
TN-245Y (Giallo)2200€ 88,970,040
HPLaserJet Pro CP1025HP 126A Nero
(HP CE310A)
1200€ 51,990,043
HP 126A Ciano
(HP CE311A)
1000€ 55,990,056
HP 126A Magenta
(HP CE313A)
1000€ 57,980,058
HP 126A Giallo
(HP CE312A)
1000€ 57,890,058
HP 126A multicolore
(HP CF341A)
3000€ 139,980,047
HP 126A Nero 2 Cartucce
(HP CE310AD)
2400€ 87,990,037
Canoni-SENSYS LBP7010C
(404970)
Canon 729BK (Nero)
(Canon 4370B002)
1200€ 44,620,037
Canon 729C (Ciano)
Canon 4369B002
1000€ 54,000,054
Canon 729M (Magenta)
(Canon 4368B002AA)
1000€ 52,270,052
Canon 729Y (Giallo)
(Canon 4367B002AA)
1000€ 51,430,051
Samsung Xpress C410W (SL-C410W)Samsung K406
(CLT-K406S) (Nero)
1500€ 54,290,036
Samsung C406
(CLT-C406S) (Ciano)
1000€ 51,060,051
Samsung M406
(CLT-M406S) (Magenta)
1000€ 50,870,051
Samsung Y406
(CLT-Y406S) (Giallo)
1000€ 50,870,051
Samsung P406C
(CLT-P406C) (3 colori + Nero)
4500€ 148,990,033
OKI
LED
C301DN46508716 (Nero)1500€ 52,080,035
C332DN46508715 (Ciano)1500€ 76,990,051
46508714 (Magenta)1500€ 79,690,053
46508713 (Giallo)1500€ 76,830,051
46508712 (Nero XL)3500€ 70,030,020
46508711 (Ciano XL)3000€ 119,020,040
46508710 (Magenta XL)3000€ 119,020,040
46508709 (Giallo XL)3000€ 116,680,039

Consigli per risparmiare con le stampe

Dopo tutto questo parlare credo sia giunto il momento per stilare un decalogo per risparmiare sulle stampe.
  1. Scegliete la Stampante / Multifunzione in base al vero utilizzo che dovrete farne: 
    • se non dovete stampare immagini a colori non compratevi una stampante a colori
    • se non vi serve uno scanner (potete usare un'app sul vostro smartphone), non compratevi una multifunzione
  2. Valutate, prima di acquistare la stampante, il prezzo delle cartucce che dovrete acquistare in futuro (date un'occhiata al documento che ho creato per farvi un'idea) in base al costo per stampa
  3. Prima di stampare qualsiasi cosa da internet togliete dalla pagina tutto quello che non v'interessa (date un'occhiata ai paragrafi precendenti)
  4. Se stampate un documento di testo, utilizzate sempre un ecofont (come detto più in alto, ci sono font eco gratuiti)
  5. Preferite cartucce ad alta capacità anziché quelle standard (che siano originali, rigenerate, o compatibili), perché il rapporto quantità/prezzo è molto più elevato
  6. Se avete un volume di stampa elevato 
    • optate per le confezioni bipack o multipack (anche multi color pack e multi value pack)
    • scegliete se optare per cartucce rigenerate o anche compatibili
  7. Se avete un basso volume di stampa non acquistate troppe cartucce perché potrebbero rovinarsi (le cartucce inkjet potrebbero seccarsi e i toner temono l'umidità)
  8. Riutilizzate il retro dei fogli come bloc notes, basta una molletta da ufficio per tenerli uniti
  9. Rivendete su ebay le cartucce originali da rigenerare se non pensate di riutilizzarle voi stessi
  10. Rivendete su ebay la stampante che intendete dismettere per acquistarne un nuovo modello, ci sarà sicuramente qualcuno che vorrà acquistarla
E' tutto! Non mi resta che augurarvi: "Buon Risparmio!".